«Con libri alla mano»

L’editoria di larga diffusione a Venezia tra Sei e Settecento

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

363

Formato

14×22

Uscita

ISBN

9788840015743

ACQUISTA SU:

Descrizione

Definiti di recente “per tutti” in ragione della larga diffusione e destinazione, i libretti di più lunga durata e dai molteplici usi e riusi erano quelli fabbricati in economia con materiali di scarsa qualità e particolari accorgimenti editoriali. In questo studio, si propone un approfondimento della produzione, vendita e distribuzione di questi prodotti tipografici dal XVII al XVIII secolo nella Repubblica di Venezia. L’analisi delle norme e delle contraffazioni, ricostruite attraverso le fonti documentarie e bibliografiche dell’epoca, ha permesso di esaminare quali prassi editoriali erano condivise da queste stampe, quali libri giungevano tra le mani delle persone meno istruite o alle orecchie degli analfabeti e quali caratteristiche materiali, formali e contenutistiche guidavano ed influenzavano la ricezione. Banchettisti, cestisti, ciechi, saltimbanchi e persino fruttivendoli contribuirono in età moderna a rendere la stampa parte dell’ordinaria quotidianità.

Autore

Laura Carnelos, laureata in Archivistica e Biblioteconomia e con dottorato in Storia sociale europea conseguito presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, si occupa di editoria a larga diffusione con particolare riferimento alla realtà veneta in età moderna. Nel 2008 ha pubblicato il catalogo dei libri da risma dei Remondini (I libri da risma. Catalogo delle edizioni Remondini a larga diffusione (16501850), Milano, FrancoAngeli, 2008).