Ottocento fra casa e scuola

Luoghi, oggetti, scene della letteratura per l’infanzia

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

278

Formato

14×21

Uscita

ISBN

9788840016795

ACQUISTA SU:

Descrizione

Ci sono due luoghi che, nell’infanzia di tutti, hanno esercitato uno straordinario potere educativo: la casa e la scuola. Si tratta di ambienti che seducono e impauriscono il bambino e che, storicamente, sono sempre stati gestiti dagli adulti. Per la loro vincolante forza materiale, la casa e la scuola hanno acquisito un grande valore simbolico che la letteratura per l’infanzia ha saputo cogliere e rappresentare. Chi non ricorda la casina dei Sette Nani, il castello della Bella Addormentata, la cantina di Barbablù, ma anche la capanna di Robinson Crusoe o quella dello Zio Tom? Nel mondo occidentale questi luoghi riflettono indubbiamente l’apogeo, le contraddizioni e la crisi della borghesia. Al loro interno si svolge la crescita sorvegliata delle nuove generazioni. La casa e la scuola sono le protagoniste di questo libro che, attraverso le ricostruzioni storico-critiche di accreditati studiosi, affronta la questione degli spazi educativi dal punto di vista della loro rappresentazione letteraria dell’Ottocento.

Autore

Lorenzo Cantatore insegna Letteratura per l’infanzia e Storia delle istituzioni educative e formative nell’Università degli Studi Roma Tre. Studioso di letteratura e arte nell’ambito dei processi storicoeducativi fra Otto e Novecento, è autore e curatore di saggi e volumi fra i quali Architetture per l’infanzia in Roma Capitale: i nuovi edifici del Comune 18781912 (2001); Le identità violate di tre collegiali. Appunti su Mirbeau, Musil, De Libero (2006); Il Magistero di Roma: vecchie questioni e nuovi documenti (2010); Giuseppe Lombardo Radice: per un’idea del quaderno scolastico come fonte artisticoletteraria (2010); Frammenti di discorsi amorosi. Il primo amore in alcuni romanzi giovanili dell’Ottocento (2012); La “poesia della scuola”. Miseria e nobiltà di maestre e maestri nella letteratura italiana fra Otto e Novecento (2012). Per i tipi di Unicopli ha curato l’edizione di Ida Baccini, La mia vita. Ricordi autobiografici (2004).