Idoli di bontà

Il genere come norma nella storia dell’educazione

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

150

Formato

14×21

Uscita

ISBN

9788840017211

ACQUISTA SU:

Descrizione

Buona o perversa? A partire dal lungo Ottocento, nell’ordine simbolico della cultura occidentale, ogni nuova forma di protagonismo delle donne fuori dalla sfera della vita privata viene comunemente percepita come possibile sovvertimento degli assetti sociali e delle gerarchie in essi implicite. Sia la rappresentazione di una femminilità silenziosamente sottomessa sia l’immagine della donna peccatrice non ci permettono, tuttavia, nemmeno di sfiorare le identità reali ma solo l’immaginario su di esse della cultura dominante. Il volume intende prendere in esame i paradigmi pedagogici e i modelli educativi nei quali il genere diviene norma ed è frequente il ricorso allo stereotipo della bontà e della ritiratezza come antidoto all’ emancipazione culturale e sociale.

Autore

Carmela Covato insegna Storia della pedagogia e Storia sociale dell’educazione presso l’Università degli Studi Roma Tre. È autrice di numerose pubblicazioni e di volumi che hanno avuto come oggetto di indagine la storia dell’educazione, delle donne e dell’identità di genere. In questa collana ha pubblicato, fra l’altro, Memorie di cure paterne. Genere, percorsi educativi e storie d’infanzia (2002) e Memorie discordanti. Identità e differenza nella storia dell’educazione (2007). Negli ultimi anni ha condotto ricerche relative alla storia dell’educazione sentimentale nelle pedagogie narrate.