Nel cuore della scelta

Kierkegaard, l’etica senza fondamenti e l’angoscia della formazione

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

151

Formato

12, 5, 5×20

Uscita

ISBN

9788840018379

ACQUISTA SU:

Descrizione

Obiettivo del lavoro è quello di richiamare l’attenzione sugli elementi di radicale problematicità dell’esperienza formativa, laddove essa si confronta con percorsi complessi di costruzione della scelta, che non trovano supporti e contributi significativi nelle elaborazioni già compiute a livello di cultura e di civiltà. Nel suo essere chiamata ad assumersi responsabilità così pregnanti in merito ai processi di formazione dei propri interlocutori (quando non al loro stesso “destino”), l’educazione diviene uno dei principali ambiti di messa alla prova del problema etico e fa dell’angoscia che ne deriva uno dei più potenti strumenti di elaborazione della scelta medesima e di progettazione dell’intervento educativo. A partire dalla filosofia di Kierkegaard e dalle considerazioni da essa dedicate al mito di Abramo, la riflessione giunge a confrontarsi con esiti più recenti del pensiero contemporaneo.

Autore

Maurizio Fabbri è professore ordinario di Filosofia dell’educazione e di Pedagogia generale e sociale presso la Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione dell’Università di Bologna; e di Pedagogia della comunicazione presso la Scuola di Medicina e Chirurgia della stessa. I suoi ambiti di studio e di ricerca, di confine tra filosofie esistenzialiste, psicoanalisi e neuroscienze, si muovono nella cornice del problematicismo pedagogico e privilegiano i temi connessi alla complessità dell’esperienza formativa e al loro intreccio con i grandi temi dell’esistenza. Fra le sue pubblicazioni: La competenza pedagogica, Bologna, 1996; Sponde, Bologna, 2003; (con M. Contini e P. Manuzzi), Non di solo cervello, Milano 2006; Problemi d’empatia, Pisa 2008; Il transfert, il dono, la cura, Milano 2012; Controtempo, ParmaSpaggiari 2014.