Semiotica a prova d’esperienza

Teorie di base, sperimentazioni didattiche, ambiti di ricerca

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

403

Formato

17×24

Uscita

ISBN

9788840016566

ACQUISTA SU:

Descrizione

Questa introduzione alla semiotica si compone di una serie di sperimentazioni didattiche, frutto di un progetto maturato lungo anni di insegnamento e di ricerca. L’astrazione concettuale che caratterizza la semiotica può comportare notevoli difficoltà per uno studente che vi si avvicini. Ecco perché questo libro tenta un approccio che ha come principi l’ancoraggio dei concetti semiotici all’esperienza quotidiana e una gradualità nel processo di astrazione. In apertura sono collocati i racconti di tre esperienze “in vivo”, occasioni di scoperta di alcune problematiche cui la semiotica cerca di rispondere. Subito a seguire viene offerta una sistematizzazione sintetica dei saperi introdotti che è un punto di partenza per la sezione successiva, dove si mostra come le nozioni possano essere manipolate e utilizzate in percorsi multipli, alcuni molto semplificati, ma sempre forieri di nuove possibilità euristiche. Nella quarta sezione, dedicata alla sociosemiotica, il volume lascia spazio a un linguaggio più tecnico e a investigazioni volutamente più ardite, più consone a un lettore (oramai) più maturo. Infine, a chiusura del volume, si è provveduto ad allestire un lessico di semiotica.

Autore

Pierluigi Basso Fossali insegna Semiotica presso l’Università IULM di Milano. È condirettore della rivista internazionale Signata. Annales des sémiotiques. Ha pubblicato una cospicua serie di articoli su riviste internazionali e una decina di libri in cui la semiotica è messa in relazione con le teorie estetiche e le arti contemporanee (Il dominio dell’arte, Roma, Meltemi, 2002; Il Trittico 1976 di Francis Bacon, Pisa, Ets, 2013), la filmologia (Confini del cinema, Torino, Lindau, 2003; Interpretazione tra mondi. Il pensiero figurale di David Lynch, Pisa, Ets, 2006), la sociologia dei consumi e il marketing (La promozione dei valori, Milano, FrancoAngeli, 2008), le teorie della percezione (La tenuta del senso, Roma, Aracne, 2009). Con M.G. Dondero, ha scritto inoltre Sémiotique de la photographie (Limoges, Pulim, 2011), mentre il suo libro più personale è Vissuti di significazione (Pisa, Ets, 2008).