Brockes Passion

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

65

Formato

12, 5, 5×20

Uscita

ISBN

9788840018799

ACQUISTA SU:

Descrizione

Nel 2016 ricorre il trecentesimo anniversario della prima esecuzione a Francoforte dell’Oratorio “Der für die Sünde der Welt leidende und sterbende Jesus”, noto comunemente con il nome di Brokes Passion, su testo composto dal poeta tedesco Barthold Heinrich Brockes (1680-1747) e musicato da Georg Philipp Telemann. Il giorno 2 aprile 1716, data in cui per la prima volta venne ascoltato l’Oratorio, ha un significato decisivo per la storia della musica. I suoni visionari concepiti da Telemann per la Passione hanno infatti influenzato la storia della musica tedesca per oltre un secolo. Il testo composto da Brockes, di potenza assoluta, rappresenta una delle meditazioni più profonde mai scritte sul dramma della passione di Cristo. La prima traduzione italiana del testo della Brockes Passion, a cura di Quirino Principe, e la sua pubblicazione in un libro, sono parti fondamentali di un progetto pluriennale dedicato alla Passione.

Autore

Quirino Principe ha insegnato discipline a carattere musicologico al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano e storia della musica all’Università di Trieste. Attualmente insegna Filosofia della Musica all’Università di Roma Tre. Traduttore dal tedesco e da altre lingue, nel 1991 ha ricevuto il premio internazionale “Ervino Pocar” per la traduzione dal tedesco. Ha introdotto Tolkien in Italia curando l’edizione italiana de Il Signore degli Anelli (Rusconi, Milano 1970). È autore di uno dei tre libri fondamentali pubblicati in Italia su Gustav Mahler, insieme alla pionieristica monografia di Ugo Duse e a Le sinfonie di Mahler di Paolo Petazzi. È consigliere dell’istituto per gli Incontri Culturali Mitteleuropei di Gorizia, Accademico effettivo dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e membro di due associazioni viennesi, la Gustav Mahler Gesellschaft e la Richard Strauss Gesellschaft. Nel 1996 ha ricevuto dal Presidente della Repubblica d’Austria la Croce d’Onore di Prima Classe (Ehrenkreuz 1. Klasse) per meriti culturali e artistici (litteris et artibus). Nel 2005 gli sono stati assegnati il Premio Imola per la critica musicale e il Premio “Città di Gorizia” per avere reso illustre il nome di Gorizia nel mondo. Nel 2007 ha ricevuto il Premio della Regione Friuli Venezia Giulia per l’intera sua attività culturale. Pensatore controcorrente e refrattario agli schemi, nonché uomo dalle qualità poliedriche, ha recentemente intrapreso l’attività di attore, autore e regista teatrale.