Arte & Spiritualità

La proposta dell’Economia dell’arte

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

1207

Formato

17×24

Uscita

ISBN

9788840018973

ACQUISTA SU:

Descrizione

Dell’arte come risorsa per la spiritualità si parla molto, senza tuttavia concretamente indicare come l’arte possa alimentare la spiritualità. Un rapporto indeterminato tra due entità indeterminate, perché s’ignora la natura dell’arte, il suo modus operandi, il bisogno che appaga e le modalità di realizzazione dell’esperienza estetica, mentre la spiritualità è un fantasma che assume definite sembianze solo per i credenti praticanti, minoranza sempre più esigua in una società in via di scristianizzazione. In questo saggio vengono perseguiti e realizzati due obiettivi: la comprensione della natura dell’arte e del metodo – prescritto dall’arte stessa – con cui i comuni fruitori possono farla propria, e la definizione della spiritualità laica. La tesi sostenuta è che attraverso l’esperienza estetica l’uomo – il laico possa realizzare un’intensa spiritualità, e che l’arte sia il solo strumento a disposizione della massa degli uomini comuni, privi di un’esperienza religiosa confessionale, per accedere alla spiritualità.

Autore

Aldo Spranzi, laureato in Economia alla Bocconi, ha incominciato la carriera accademica in ‘Ragioneria generale e applicata’, percorrendo l’intero cursus fino a diventare professore ordinario di ‘Economia e gestione delle imprese’, per poi passare all’‘Economia industriale’. Ha insegnato alla Bocconi e nelle università di Cagliari, Pavia, Brescia e Parma. Nel 1978 ha dato vita, e poi diretto per più di vent’anni, al Centro di Studi sul commercio (Cescom) dell’Università Bocconi, cui va il merito di aver contribuito in misura sostanziale alla creazione di una cultura distributiva nel nostro Paese. Ha fondato e diretto la rivista COMMERCIO, Rivista di Economia e Politica commerciale. Dal 1975 è professore ordinario nella Facoltà di Scienze politiche dell’Università statale di Milano