Wo, il paese di Yamatai e la regina Himiko

Cinque cronache cinesi antiche sul Giappone

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

355

Formato

12,5×20,5

Uscita

ISBN

9788840022819

ACQUISTA SU:

Descrizione

Wo, il paese di Yamatai e la regina Himiko è uno studio comparativo di cronache cinesi fondamentali per la conoscenza dell’antico Giappone – al tempo chiamato dai cinesi stessi Wo – in quanto tali cronache rappresentano le prime opere in grado di fornire informazioni su quel Paese. Il testo presenta, con l’originale a fronte, la traduzione dei capitoli sul Sol Levante di cinque importanti scritti, che vanno dalla Cronaca dei Wei fino al Libro dei Song, configurandosi come una risorsa fondamentale per chiunque abbia interesse alla storia nipponica nel periodo compreso tra il I e il VII secolo di quella che per noi è l’Era cristiana. Anche i reperti archeologici delle tombe giapponesi possono essere meglio compresi comparando le prime fonti storiche nipponiche, il Kojiki (Cronache di antichi eventi) e il Nihon shoki (Annali del Giappone), con le datazioni precise e le descrizioni delle più antiche storie dinastiche cinesi e anche con le opere storiografiche coreane, inclusa la stele commemorativa del re Kwanggaet’o (374-412) di Koguryŏ.

Il volume contribuisce quindi a gettare nuova luce su aspetti finora oscuri del Sol Levante e sugli stretti rapporti tra Cina, Corea e Giappone, incoraggiando il superamento d’una visione della storia umana centrata sul solo mondo occidentale.

Autore

Massimo Soumaré (Torino, 1968) è traduttore, scrittore, saggista e ricercatore indipendente. Ha collaborato con riviste specializzate sulle culture orientali e con riviste di cultura letteraria americane, giapponesi, irlandesi e italiane. Ha pubblicato per gli editori Asahi Shinbun Shuppan, Atmosphere Libri, Bietti, De Agostini, Kadokawa, Ko¯bunsha, Kurodahan Press, Mimesis, Mondadori, To¯kyo¯ So¯gensha, Utet e altri. Tra i suoi lavori più recenti si segnala il romanzo Il filo sottile del mare (Unicopli, 2022) incentrato sulla figura della pittrice Otama Kiyohara Ragusa. Insegna lingua giapponese alla Fondazione università popolare di Torino.