Corpi, spazi, movimenti

Per una geografia critica della dislocazione

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

250

Formato

14×21

Uscita

ISBN

9788840018638

ACQUISTA SU:

Descrizione

Migrazioni, esili e diaspore rappresentano l’evento più significativo del nostro tempo. Il mondo di oggi è ininterrottamente attraversato da uomini e donne che con il peso dei loro corpi e la forza dei loro slanci sfidano non soltanto le frontiere degli stati ma anche i confini delle nostre teorie e immaginazioni. Se il mondo diventa un immenso luogo di passaggio, segnato e significato dai percorsi e dalle storie di chi lo attraversa, la Geografia Culturale è allora chiamata a riportare il movimento al centro del proprio discorso e ad aprirsi a nuove immaginazioni e a nuovi spazi. Intrecciando teorie postcoloniali e studi di genere, filosofie post-struttraliste e riflessione biopolitica, il volume si propone di ripensare criticamente la spazialità e la sua relazione con il movimento, nel tentativo di mettere in questione i regimi di spazialità dominanti e di dar luogo ad una geografia che sia capace di disperdere il cerchio della frontiera e di aprirsi all’evento dell’altro.

Autore

Chiara Giubilaro ha conseguito il dottorato in Studi Culturali Europei a Palermo nel 2013 ed è oggi assegnista di ricerca in Geografia Culturale presso l’Università di MilanoBicocca. Ha svolto periodi di ricerca presso la Royal Holloway University of London e la HeinrichHeine Universität di Düsseldorf. I suoi interessi di ricerca includono le geografie delle migrazioni, le teorie filosofiche sulla spazialità, la geopolitica popolare e la cultura visuale. Attualmente lavora sulle politiche di rappresentazione delle migrazioni in Italia e in Europa