Varsavia

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

155

Formato

11, 5, 5×16

Uscita

ISBN

9788840015675

ACQUISTA SU:

Descrizione

La Varsavia ebraica non esiste più se non nell’immaginario e nel ricordo di cui la letteratura è il riflesso più evocatore. La capitale polacca, oggi una metropoli moderna ed europea, non conserva quasi traccia di quel passato annichilito dalla guerra, di quell’umanità secolare distrutta dalla Shoah. Per andare in cerca nella città palinsesto delle tracce di un tempo, la guida migliore resta la parola di uno scrittore che, lavorando al lutto del suo mondo scomparso, ci ha lasciato come viatico il ritratto di una città inghiottita dalla Storia. Vivono le sue storie, come un invito costante a una visita nella Varsche perduta, segnata a un tempo dalla miseria materiale dei suoi abitanti e dalla loro straordinaria ricchezza spirituale. Piene di nostalgia, le parole di Singer (premio Nobel per la Letteratura nel 1978) convocano la vita là dove fu crudelmente sradicata, e rianimano un Golem di lastrici e di pietre per testimoniare, una volta per sempre, che quella esistenza collettiva resta più forte della sventura.

Autore

Dorota Felman (Varsavia, 1961) ha vissuto per trent’anni a Parigi dove si è laureata in letteratura francese. Ha lavorato come giornalista culturale collaborando con France Culture, Canal Plus, “La Quinzaine littéraire”, “Le Monde” e il settimanale “L’Express”, di cui ha curato l’edizione polacca al momento del suo lancio. Traduttrice della poesia contemporanea polacca in francese, si è occupata di letteratura dell’Europa dell’Est per diverse case editrici e ha realizzato il sito dedicato a Witold Gombrowicz (www.gombrowicz.net). Dal 2010 è tornata a vivere a Varsavia, dove insegna, lavora agli scambi culturali francopolacchi e a uno studio critico sull’opera di Gombrowicz.