Le abitudini dell’acqua

Antropologia, ambiente e complessità in Africa occidentale

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

274

Formato

12,5×20,5

Uscita

ISBN

9788840022529

ACQUISTA SU:

Descrizione

In questo volume gli esseri umani sono costretti a defilarsi dal ruolo di protagonisti assoluti della scena, poiché accanto a loro e soprattutto prima di loro, esprimono il proprio punto di vista baobab e mangrovie, pozze d’acqua naturali e laghetti artificiali, cumuli di immondizia e coccodrilli mansueti. Questi ultimi, in particolare, in genere disposti a non aggredire, sono pronti a recuperare la proverbiale ferocia per punire gli umani dei loro errori. Questo avviene in Ghana, dove le abitudini dell’acqua sono ciò che rivela come gli elementi naturali abbiano la capacità di agire come soggetti.

Estendendo dunque una prerogativa umana alla natura, questo volume vuole mettere in discussione i nostri più profondi assunti sulle relazioni tra la società e l’ambiente circostante. Sulla base di un’approfondita ricerca etnografica, l’autore indaga le procedure di sacralizzazione del non umano fra i Kassena del Ghana nordorientale portando il lettore a riflettere sulla dicotomia natura/cultura e a valutare attentamente il senso della protezione della natura, senza dare per scontato che questa debba essere interpretata attraverso i canoni dell’ambientalismo occidentale.

Autore

Gaetano Mangiameli è Professore associato presso il Dipartimento di Filosofia “Piero Martinetti” dell’Università Statale di Milano, dove insegna Antropologia culturale e Antropologia ambientale.

Ha condotto ricerche etnografiche in Ghana (regione nordorientale) e in Italia (Sicilia, Lombardia ed Emilia-Romagna), ed è interessato principalmente alla teoria antropologica, agli studi ambientali, alle relazioni tra umani e non umani, alla mitologia e ai social media. È autore di numerosi saggi e volumi.